EMOZIONI SPARSE di Ronny Costantino

Dettagli

Copertina_Emozioni Sparse

EMOZIONI SPARSE di Ronny Costantino

BIOGRAFÍA

Mi chiamo Ronny Costantino, nasco a Torre Pellice, in provincia di Torino, il 4 maggio 1952, mi diplomo come Perito Chimico nel 1971 all’ITIS L. Casale di Torino.

In seguito, lavoro in Aziende Farmaceutiche ed Erboristiche sia come Direttore di Produzione, Product Manager e infine come Business Unit Manager in un’Azienda leader nel settore del Benessere in GD.

Dal 2015 sono in pensione.

La mia passione è il golf, la scrittura, la musica (classica e jazz) e il teatro.

Ho frequentato alcuni corsi di scrittura creativa, fra cui gli ultimi:

  • Palestra alla Scuola Holden “Una stanza tutta per te” con Lucia Gaiotto.
  • Narrativa 101 alla Zandegù con Marco Lazzarotto.

Amo scrivere, per me stesso e per gli altri.

Oltre ad alcuni testi sull’omeopatia e sulla fitoterapia, scritti per una Società Erboristica, ho pubblicato “Ho visto nascere i Dipsy Divers” (Alzani Edizioni).

 

Presentazione del Libro

Le Emozioni. Queste sono il filo che accomuna questa raccolta di racconti, che passando da una partita di pallone mai giocata a un concerto di Ezio Bosso, dal primo amore ad una storia di volenza sulle donne, da una tragedia improvvisa alla storia di Carolina, fino ad altre storie, e ci narrano le emozioni che si possono ancora provare, a qualunque età.

Soprattutto in un’epoca in cui si tende a essere ormai indifferenti alle cose che ci succedono intorno -a un bambino profugo morto sulla spiaggia, alle decine di guerre che si combattono nel mondo- emozionarsi, piangere, sono cose di cui non dobbiamo vergognarci di provare.

Sono racconti vissuti dal narratore (la maggior parte), o di cui il narratore è venuto a conoscenza, che ripercorrono attimi, giornate, momenti che hanno suscitato emozioni profonde, che hanno toccato le corde della sua anima, che lo hanno reso fragile come un bambino; emozioni sopite che sono prepotentemente ritornate a galla.

Come quando, in quella sera d’estate, riesce a perdersi e a innamorarsi nuovamente della vita ascoltando la musica e i pensieri di Ezio Bosso.

Oppure quando racconta la solitudine di Carolina, amante dei silenzi, imprigionata nel passato, nei suoi ricordi e nella sua nostalgia, ed in un grande segreto.

Per ultimo un elenco delle dieci cose che maggiormente ricorda per intensità nella sua vita: la nascita di Ludmilla, il primo Natale con suo figlio, la felicità di passeggiare sulla sabbia con il vento addosso, la sua paura dell’ignoto, dell’amore per sua moglie, di tutti i sogni ancora da realizzare.

Formulario di contatto